Omelia 10 febbraio

… la ragione del malessere di Pietro: la sua vita non serviva a niente.
Non gli sembrava cioè che ci fosse nessun obiettivo così importante da giustificare la sua piena dedizione.
Magari ci capita di passare giorni così: facciamo quelle poche cose, o magari molte, che gli altri ci chiedono.
Ma senza che nessuna ci coinvolga appieno; e così ci rassegniamo, nell’intimo, alla vanità dei giorni.
… le giornate non possono essere iniziate con la segreta speranza che accada un avvenimento particolare a renderle “diverse”.
Esse custodiscono già una pienezza, un dono, una bellezza che Dio ogni giorno ci elargisce.
Di fronte a ciò noi siamo poca cosa; ma è importante riconoscerlo, giungere alla stessa conclusione di Pietro.
Anche di noi Dio potrà fare qualcosa di buono.

Omelia di don Umberto