Omelia 11 aprile

Anche l’apostolo Tommaso, di cui parla il Vangelo di oggi, deve recuperare la fiducia smarrita nei confronti dei suoi amici che gli annunciano la resurrezione di Gesù.

E non a caso deve mettere la mano nel costato del Signore.

Dal costato del primo Adamo fu creata l’umanità intera (Eva); dal costato del nuovo Adamo (Cristo) nasce una nuova umanità.

È con essa che Tommaso deve fare i conti: nella sua professione di fede è compresa l’adesione a Gesù e quella ai suoi fratelli.

S.Messa ore 11 al centro parrocchiale.
Omelia di don Umberto