Omelia 7 aprile

Dio sta in agguato dentro le crepe; Dio respira di nascosto nella nostra vita. Ma poi agisce.
Se ne andarono tutti, forse disturbati dall’odore cattivo delle loro stesse anime, senza capire che anche per loro quel giorno stava iniziando la salvezza.
“E rimasero solo loro due, la misera e la misericordia”.
Così commenta S. Agostino, al quale dobbiamo la presenza di questo brano nel Vangelo.
Solo allora Gesù alzò lo sguardo.
Fino a quel momento non la guardò per non umiliarla.
Ma ora sì, per perdonarla.
E per rilanciarla in una vita nuova, fatta di amore, ma senza peccato.
Perché gli sguardi di Gesù, si sa, sono rivelazioni.
O meglio, rivoluzioni.

Omelia di don Umberto