Omelia domenica 18 novembre

Ciò che facciamo, ciò che viviamo rivela presto il suo carattere fragile, quasi effimero e allora immaginiamo una situazione futura che ci possa fare stare meglio: un evento, un incontro, un tempo di riposo….
Il Vangelo soprattutto ci regala la certezza che questi momenti di estrema difficoltà sono l’occasione per volgere lo sguardo a Colui che solo può portarci la salvezza.
Le tribolazioni e l’ansia che sgretolano le nostre certezze devono essere guardate e riconosciute come la prossimità di Dio, della Sua presenza che salva e che libera da false inquietudini.

 

Omelia di don Umberto