Gruppo biblico: Gv 18, 1-11

La tentazione è per Gesù ciò che noi riteniamo mezzo opportuno, necessario, buono per realizzare il desiderio di bene, non si può usare a fin di bene ciò che è male; Gesù entra a Gerusalemme su di un mite asino, e non con cavalli e carri, con la potenza. La perversione del bene è fare il male pensando di fare il bene, è una logica spesso sistematica.
• Pietro non vuole che Gesù beva il calice del male del mondo, dell’ingiustizia, che solo il vero giusto può bere senza esserne avvelenato; Pietro non crede che Gesù possa fare tanto, che sia così diverso da come lo immagina. Gesù beve il calice della morte, del potere ingiusto, dimostrando che la sua Gloria è amare di un amore più grande della morte, del male.

 

Download Attachments